venerdì 27 gennaio 2012


8 commenti:

  1. memoria corta e -quel che è peggio- incapacità di traslare significati di nefaste esperienze applicati in situazioni 'altre'...

    RispondiElimina
  2. Già.... e non si decidono ad imparare dai prorpi errori.
    Umani!!!

    ps: il gatto non c'è perché il topo non l'ha avvisato in tempo e gli ha soffiato il posto. Ecco perché da allora i gatti sono nemici mortali dei topi!

    RispondiElimina
  3. ciao :manca poco alla chiusura splinder e già mi manca...
    anche per te il premio blog:
    clicca
    bacione !

    RispondiElimina
  4. Non solo gli umani hanno la memoria corta, ma possiedono anche la coazione a ripetere all'infinito gli errori commessi , vedi Rwanda e Bosnia, solo per citare due casi. Ah, se il mondo fosse governato dai gatti rossi...un bacio!

    RispondiElimina
  5. eh. bisogna non perderla la memoria. anche se, nei nostri cuori rimarrà inalterata.

    RispondiElimina
  6. Io quel numero nerastro marchiato a fuoco sull'avambraccio del papà di una mia compagna di classe, l'unico tornato a casa della sua famiglia, lo ricorderò per tutta la vita. Mi unisco al ricordo di tutte le vittime dell'orrenda violenza razziale, che ancora oggi in tanti paesi vuole il suo tributo di sangue.

    RispondiElimina