lunedì 19 novembre 2012


5 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. aspy hai riassunto in questo disegno tanto di quell'orrore e di quel dolore.. mi hai commossa

    RispondiElimina
  3. Orrore e dolore obbligati dalla durezza del cuore di chi non vuole riconoscere diritti alle minoranze, la pace operosa che nasce dal rispettare ogni simile in quanto essere umano.
    Vediamo: da un lato Israele il cui progetto è dichiarato dalla sua stessa bandiera: tra il Giordano e l'Eufrate domina la stella di David.
    Dall'altra i paesi arabi che pure hanno fatti stragi dei palestinesi, ne hanno occupato i territori dal '48 al '67, che impediscono l'ingresso ed il lavoro nei propri territori ai palestinesi. In mezzo i palestinesi, vittima designata per l'affermazione dei primi, per consentire ai secondi di proclamare la volontà di distruggere Israele.
    Quest'ultima si dichiara pronta alla pace, gli altri solo alla sua cancellazione per " difendere" i palestinesi.
    Mi pare chiasro che entrambi mentano, nessuno accetta in cuor suo la pace, nessuno accetta come suo simile il prossimo suo.
    Credo che la soluzione non sia nel fare 2 stati, ciascuno col proprio esewrcito, le proprie frontiere sacre da difendere. Bisognerebbe che entrambi i popoli vivessero liberi di affrontare insieme i problemi di vita quotidiana che li affratellerebbero. Bisognerebbe abolire entrambe le " nazioni" facendole confluire in una realtà più vasta. l'UE per es. A Francia e Germania è servito a non essere più cani e gatti; credo che serviorebbe anche alla UE a superare le sue meschinità nazionali e divenire, finaalmente, un solo popolo.

    RispondiElimina
  4. dove l'erba del vicino dovrebbe essere sempre più verde?

    Caro Gattaccio sta volta non riuscirò a mettermi alla pari con i tuoi post ROSSI!

    RispondiElimina
  5. Non riesco a parlarne, tale è l'orrore. Bellissima vignetta cara MG.

    RispondiElimina